Ariano Folkfestival | Cinezone
788
single,single-post,postid-788,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-1.9,wpb-js-composer js-comp-ver-4.4.3,vc_responsive

Cinezone

Partecipare all’Ariano Folk Festival è, tra le varie cose, una vera e propria esperienza di viaggio: si incontrano, attraverso la musica e le canzoni, culture diverse, si scoprono nuovi mondi.

In questi anni, senza nemmeno accorgercene, abbiamo attraversato il globo in lungo e in largo, percorso migliaia di chilometri, pur rimanendo, alla fine, fermi in pochi metri quadrati.

La Cinezone, la rassegna cinematografica dell’AFF, aggiunge all’esperienza sensoriale del suono e della musica, quella delle immagini, dei colori, delle parole. Durante il Festival, per qualche ora al giorno, dimenticherete di essere seduti su delle comode poltrone, dimenticherete anche di essere in un cinema, perché vi condurremo in un viaggio attraverso realtà lontane e spesso sconosciute: le vedrete dall’interno, respirandone l’odore, conoscerete i protagonisti.

Il percorso di quest’anno parte da Londra, nei sobborghi della città, per incontrare le varie tifoserie di calcio, in particolare i temibili supporters del West Ham, con le loro vite regolari e monotone che esplodono, violentemente, quasi con la stessa regolarità, il giorno della partita (Hooligans, 18 Agosto); la seconda tappa è Sarajevo, Srebrenica, Tuzla, i luoghi dei massacri e dei genocidi avvenuti, nei primi anni ’90, durante la Guerra dei Balcani (Rata Nece Biti!, 20 Agosto); la fermata successiva, invece, è la stazione di Bucarest, tra i boskettari – ragazzi di strada che vivono nelle fognature, respirando colla e vendendo il proprio corpo per pochi spiccioli – visti, però, attraverso gli occhi di un magico clown, Miloud Oukili, che alla fine riesce a redimerli e ad insegnare loro il rispetto per sé stessi (Pa-ra-da, 21 Agosto); poi, saremo ancora in Inghilterra, stavolta tra un gruppo di skinheads all’epoca della guerra delle Falklands e del governo di Margaret Tatcher (This is England, 22 Agosto); il viaggio, infine, prosegue, ancora nei Balcani, tra atmosfere surreali ed episodi tragicomici, con un omaggio ad Emir Kusturica e allo sceneggiatore dei suoi primi due film, il poeta Abdullah Sidran (Ti ricordi di Dolly Bell?, 23 Agosto).

Vi segnaliamo, in particolare, gli appuntamenti del 20 e del 23 Agosto: al primo, infatti, sarà presente Edvige Ricci, curatrice del progetto Adopt Srebrenica, e un altro ospite – ancora da confermare – che, con la loro esperienza personale, completeranno la visione del documentario “Rata Nece Biti!”; ospite del secondo, invece, sarà Piero Del Giudice, curatore di Romanzo Balcanico, un bel libro sulla figura e le opere di Abdullah Sidran, poeta, scrittore, drammaturgo bosniaco.

Programma
Auditorium Comunale (via D’Afflitto)

18 agosto – ore 17.30Hooligans20 agosto – ore 16.00Rata Nece Biti! 21 agosto – ore 17.00Pa-ra-da22 agosto – ore 17.00This is England 23 agosto – ore 16.00Ti ricordi di Dolly Bell?