Ariano Folkfestival | Moni Ovadia Stage Orchestra
5269
page,page-id-5269,page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,ajax_fade,page_not_loaded,,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-1.9,wpb-js-composer js-comp-ver-4.4.3,vc_responsive

Un piccolo ma appassionato contributo alla battaglia contro ogni razzismo. Ecco lo spirito che ha portato alla nascita di Senza confini. Ebrei e zingari, concerto-spettacolo scritto e interpretato da Moni Ovadia, coadiuvato dalla Moni Ovadia Stage Orchestra. Un’opera originale, fatta di grande emozioni e di memoria. Obbiettivo è raccontare la storia di due popoli fratelli, quello ebraico e quello zingaro (sinti e rom), che a lungo hanno marciato fianco a fianco nella sorte, accomunati dall’essere avvertiti come altro dalla comunità occidentale e insieme dall’essere costretti al nomadismo come risposta di dignità e di indipendenza alle persecuzioni nei loro confronti. Eppure ebrei, rom e sinti seppero essere in tutto e per tutto popoli; per tradizioni, cultura, spiritualità, sentimento, anche se popoli senza burocrazia, senza esercito, senza retorica patriottarda, senza terra, insomma senza confini. Due popoli fratelli affiancati in una storia spesso tragica ma le cui strade si sono divise dopo le persecuzioni naziste.

Gli ebrei hanno cambiato la loro storia, hanno conquistato una terra, hanno avuto pieno riconoscimento della loro condizione di perseguitati e un immenso edificio di testimonianza costruito sulla Shoà. Il popolo rom invece continua a subire il calvario del pregiudizio e dell’emarginazione e tutt’oggi il tentativo nazista di realizzare il loro sterminio non è stato ancora riconosciuto. Moni Ovadia mette in scena uno spettacolo in cui sono protagonisti da un lato l’amore per la battuta, le storielle e barzellette ebraiche, la poesia presente nella storia dei due popoli; dall’altro le sonorità, i ritmi incalzanti e le melodie vivaci della musica zingara e klezmer. Uno spettacolo che è insieme divertimento e riflessione, musica e teatro civile, per scardinare conformismi e convenienze.

Di e con Moni Ovadia

e con Paolo Rocca (clarinetto), Ennio D’alessandro (clarinetto),

Albert Florian Mihai (fisarmonica), Marian Serban (cymbalon), Petre Nicolae (contrabbasso)

Sabato 19 Agosto
Auditorium Comunale
(Via D’Afflitto)
ore 19.30

Evento fuori abbonamento
Singola serata 10 euro
_
I biglietti sono acquistabili esclusivamente alla biglietteria del festival dal 17 agosto 2017 (200 posti a sedere).

per ulteriori informazioni:
info@arianofolkfestival.it

partners